NEWS

Vi ricordo che i post contenuti nelle pagine principali (CREAZIONI) non sono ripostati nelle pagine secondarie e dunque li vedete solo qui. Se vi siete persi qualcosa andate a rivedere le pagine precedenti

Just to inform you that the posts in the main pages (CREATIONS) are not reposted in the secondary ones. In case you missed something , go back to the previous pages.
GRAZIE/THANKS for following

HAIKU VISIVI di Carlo Bonicatto

beautiful CAMARGUE

1937 - 2017 80 ANNI 🎂🎂 Compleanno speciale per Biancaneve e i Sette Nani : viaggio premio a Torino , eccoli al Valentino

sono arrivate le caldarroste
portici di via Roma , Torino.

autumn wings

Aero beautiful nature and the river

SINESTESIE INDUSTRIALI
1958 - MILANO BOVISA sfumato - ITALY
1963 - WEST HARTLEPOOL . DURHAM in nero - UK

"I veri amici condividono il meglio che hanno."
- Luis Sepúlveda

Universal Studios, Hollywood, Los Angeles, California, USA
time lapse

LIGHT

strani incontri ravvicinati tra Torino e Londra : GASOMETRI/GASWORKS
1958 - Battersea, Londra
2017 - Torino

once upon a time

location : IL PONTE DEL DIAVOLO , Lanzo Torinese.

@Cinzia Chiabò

location : IL PONTE DEL DIAVOLO , Lanzo Torinese.

BCreative

location : IL PONTE DEL DIAVOLO , Lanzo Torinese.

BCreative

"Il sole è nuovo ogni giorno."
- Eraclito

HAIKU di Carlo Bonicatto
"sotto alberi
s'ammucchiano le foglie
un crepitio"

"L’abitudine è la più infame delle malattie, perchè ci fa accettare qualsiasi disgrazia, qualsiasi dolore, qualsiasi morte. Per abitudine si vive accanto a persone odiose, si impara a portare le catene a subire ingiustizie, a soffrire, ci si rassegna al dolore, alla solitudine, a tutto. L’abitudine è il più spietato dei veleni perché entra in noi lentamente, silenziosamente e cresce a poco a poco nutrendosi della nostra inconsapevolezza, e quando scopriamo d’averla addosso ogni gesto s’è condizionato, non esiste più medicina che possa guarirci"
- Oriana Fallaci
-Julian Onderdonk, Giornata d'ottobre, 1908

MUSIC and social issues
"Why Can't We Live Together" è un singolo del cantante americano Timmy Thomas, uscito nel 1972 come 45 giri ed incluso nell'omonimo album. La canzone è un inno alla pace ed alla tolleranza e contro la guerra.
•Come raccontato dallo stesso Thomas, in un'intervista, rilasciata alla rivista musicale americana Spin, la canzone gli fu ispirata dopo aver appreso da Walter Cronkite, conduttore del telegiornale della CBS, della morte di 35.000 Viet Cong e 15.000 americani . Questo avvenimento, uno dei tanti nella Guerra del Vietnam, spinse l'autore a comporre dei versi molto semplici ed espliciti.
« No more wars, no more wars, no more war
Umm, just a little peace in this world
No more wars, no more war
All we want is some peace in this world »
« Non più guerre, non più guerre, non più guerra
Umm, solo un po' di pace in questo mondo
non più guerre, mai più guerra
tutto ciò che vogliamo è un po' di pace in questo mondo »
Nel testo c'è anche un esplicito riferimento al razzismo, nei versi:
«No matter, no matter what color
Umm, you are still my brother»,
dove dichiara che non è importante il colore della pelle, siamo tutti fratelli, e ribadisce l'invito a convivere pacificamente.
In Sudafrica nel 1994, « Why can't we live together » divenne l'inno delle prime elezioni a suffragio universale e senza discriminazioni razziali.
Il pezzo è caratterizzato per il suo arrangiamento minimalista dove l'autore è accompagnato da un organo Lowrey e da una Drum machine.

un angolo di campagna fotografato in una fredda mattina d'ottobre

NATURE
Oregon red leaves by Corvallis sidewalk